Vacanze Slow: bye bye stress

Dimentica i ritmi frenetici della vita quotidiana, gli impegni da rispettare, la sveglia in agguato, le corse da una parte all’altra della città, le lunghe attese nel traffico. Riprenditi il tuo tempo e il tuo spazio, spegni lo smartphone e parti per una Vacanza Slow!

Che sia per un weekend o per una settimana, le città slow sono il luogo ideale per ritrovare se stessi e regalarsi una pausa rigenerante all’insegna del buon vivere.

Ad oggi, le città slow in tutto il mondo sono oltre 240, di cui la maggior parte in Italia. Possono essere piccoli borghi o cittadine più grandi, note o meno note, ma hanno tutte un denominatore comune: la calma. Fare una classifica sarebbe impossibile oltre che ingiusto, perché ciascuna località ha la sua peculiarità che merita di essere scoperta. Abbiamo quindi ristretto il campo all’Italia e individuato quelle che, a nostro avviso, sono le 10 destinazioni da cui partire per un incredibile viaggio a ritmo lento nel nostro bel Paese.

Iniziamo con il Piemonte, dove, tra le Langhe e il Roero, troviamo Bra, importante punto di riferimento dell’enogastronomia regionale, in particolar modo per il formaggio di qualità e le produzioni casearie. Non è un caso che la cittadina sia sede internazionale del presidio Slow Food. In Lombardia ci aspetta Morimondo, con la sua splendida abbazia cistercense e le trattore tipiche dove deliziare il palato con il piatto locale: la cassoeula con polenta. Scendiamo nella bassa Padana e incontriamo Fontanellato, dove riscoprire i ritmi lenti e tranquilli della pianura, con i suoi suggestivi luoghi d’arte e la cucina dai sapori intensi. Simbolo della cittadina è la Rocca Sanvitale, al centro della piazza principale. Fontanellato è anche situata lungo la “Strada del Culatello di Zibello”: sarà quindi impossibile non assaggiare i saporiti salumi locali, accompagnati da un pezzo di parmigiano.

Proseguiamo il nostro viaggio verso le Marche, per scoprire Acqualagna, la capitale del tartufo. Circondata dalla splendida Riserva Naturale della Gola del Furlo, è il luogo ideale per un viaggio tra enogastronomia, natura e storia. Ci spostiamo quindi in Toscana, dove visitiamo Cortona, piccolo borgo medievale in Val di Chiana, adagiato su un colle a 600 metri di altitudine, con splendida vista panoramica sulla valle circostante. Dalla Toscana all’Umbria il passo è breve; qui è d’obbligo la visita di Orvieto , la città sulla rupe di tufo, dove ammirare il mirabile Duomo e il suggestivo Pozzo di San Patrizio e di Città della Pieve, incantevole borgo medievale patria di uno dei più importanti pittori del Rinascimento: Pietro Vannucci, noto come Il Perugino. Il nostro è un viaggio slow, quindi abbiamo tempo per attraversare il vicolo Baciadonne , considerato il più stretto d’Italia e per fermarci in una trattoria tipica dove chiedere uno dei tanti piatti a base dell’oro locale: lo zafferano.

Lasciamo l’Umbria e ci dirigiamo in Campania, dove ci aspettano le due perle della Costiera Amalfitana: Amalfi e . Qui ogni parola sarebbe superflua, consigliamo quindi di gustare in silenzio, con tutta calma, questo trionfo unico al mondo di colori, sapori, arte e natura. Il nostro viaggio finisce a Trani, la Perla della Puglia, dove perdersi tra i caratteristici vicoli del centro storico, per arrivare alla splendida Cattedrale romanica, protesa verso il mare. Inutile ricordare che in questo itinerario da Nord a Sud, da Ovest a Est, incontreremo tanti altri borghi e città slow pronti ad accoglierci a braccia aperte, con il sorriso ed il calore propri di chi, da anni, vive lento. Costruisci insieme a noi la tua vacanza prenotando qui il tuo soggiorno in una città slow.